lunedì 29 settembre 2014

UN ANNO DA VIVERE INTENSAMENTE

Parrocchia S. Maria Assunta – Genova Nervi
Via G. Oberdan,18 
Tel 010.3202097
nervi.assunta@gmail.com

ANNO CATECHISTICO 2014/2015
Il catechismo: un percorso di vita cristiana
Il catechismo proposto dalla parrocchia ha l’obiettivo di far crescere i bambini e i ragazzi come cristiani, accompagnandoli a ricevere i
sacramenti dell’iniziazione cristiana: riconciliazione, eucaristia e cresima.
Il cammino catechistico, secondo le indicazioni della nostra diocesi, si divide in due cicli di tre anni ciascuno. 
Il primo ciclo prepara alla prima
confessione (II anno) e alla prima comunione (III anno), il secondo alla cresima (VI anno).Per ricevere i sacramenti è necessario partecipare al catechismo per tutti i tre anni di ogni ciclo, essendo presenti ad almeno due terzi degli incontri ogni anno. I ciclo dalla II elementare II ciclo dalla V elementare

 
La messa domenicale
Momento centrale della vita della comunità parrocchiale è la messa
domenicale delle 11.00, a cui sono invitati in modo particolare i bambini e i ragazzi con le loro famiglie.

ACR: le attività per i bambini delle elementari. Accanto al catechismo la parrocchia propone ai bambini delle scuole
elementari (gruppo ACR) ogni sabato, dalle 15.30 alle 18.00, alla Casa
della Gioventù, momenti di gioco, crescita, aggregazione, formazione,attività, insieme all’esperienza del bivacco (una uscita di gruppo dal sabato alla domenica pomeriggio), e del campo estivo nel mese di luglio.
Il gruppo medie:

Ai ragazzi delle medie e dei primi anni delle superiori è proposto un percorso speciale al campo sportivo dell’Emiliani : il lunedì dalle 15.00 alle 16.30 si gioca insieme a calcio; il venerdì dalle 18.30 alle 20.00 si gioca insieme e si conclude con un piccolo spuntino. In caso di mal tempo è previsto un programma alternativo alla Casa della Gioventù.
Per partecipare alle attività al campo è richiesto un contributo annuo
di € 20,00 a fini assicurativi.
Contributo spese
Le catechiste prestano la loro opera gratuitamente quale servizio alla comunità parrocchiale, tuttavia per lo svolgimento dell’attività catechistica si devono affrontare diverse spese necessarie (sussidi,
luce, riscaldamento, pulizia locali). Per queste necessità al momento
dell’iscrizione si richiede un contributo annuo di € 15,00 per ogni ragazzo (€10,00 per i fratelli).

Calendario 2014/2015
Gli incontri dei vari gruppi si svolgeranno ogni settimana, a partire dal 14 ottobre, presso la Casa della Gioventù, in via Oberdan 16. L’orario indicativo è dalle 17.00 alle 18.00, eventuali modifiche verranno concordate e comunicate dalle catechiste.

PROSSIMI APPUNTAMENTI
DOMENICA 12 OTTOBRE - Ore 11.00
Apertura dell’anno catechistico
Dopo la messa breve incontro nel salone parrocchiale e iscrizioni.
MARTEDI’ 14 OTTOBRE
Inizio degli incontri settimanali di catechesi presso la Casa della
Gioventù.
DOMENICA 19 OTTOBRE - ORE 10.00/18.00 COLLEGIO EMILIANI Giornata per tutte le famiglie, bambini e ragazzi del Vicariato di Quinto-Nervi-S. Ilario.
SABATO 25-DOMENICA 26 OTTOBRE Bivacco per i ragazzi delle elementari e medie
DOMENICA 30 NOVEMBRE Ritiro di Avvento per i ragazzi e per le famiglie

DATE DELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI
Prima confessione Chiesa del Collegio Emiliani sabato 9 Maggio ore 16.00
Prima comunione.Primo turno: sabato 23 maggio ore 11.00
Secondo turno: domenica 24 maggio ore 11.00
Cresime: Pellegrinaggio dei cresimandi a Roma con il nostro Vescovo:
da venerdì 15 a domenica 17 maggio
Celebrazione del sacramento:
Sabato 30 maggio ore 18.00

domenica 28 settembre 2014

FESTA DELLA PATRONA DEI PADRI SOMASCHI

abato 27 settembre 2014

Giornata di preghiera
per la III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi 
Domenica 28 settembre 2014
Domenica 28 settembre 2014 sarà dedicata alla preghiera per la III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi che si svolgerà dal 5 al 19 ottobre e ha come tema “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione”.
Si invitano le Chiese particolari, le comunità parrocchiali, gli Istituti di vita consacrata, le associazioni e i movimenti a pregare nelle Celebrazioni Eucaristiche e in altri momenti celebrativi, nei giorni precedenti e durante i lavori sinodali. A Roma, ogni giorno si pregherà nella Cappella della Salus Populi Romani della Basilica di Santa Maria Maggiore. I fedeli possono unirsi nella loro preghiera personale a questa intenzione, soprattutto nelle famiglie.
Si suggeriscono la Preghiera alla Santa Famiglia per il Sinodo, composta da Papa Francesco, e alcune intenzioni indicative per la preghiera universale che possono essere adottate nelle SS. Messe domenicali del 28 settembre, come nei giorni dello svolgimento del Sinodo. Si può aggiungere una intenzione alle Invocazioni delle Lodi Mattutine e alle Intercessioni dei Vespri. Si raccomanda, inoltre, anche la recita del Santo Rosario per i lavori sinodali.
I -      Preghiera alla Santa Famiglia per il Sinodo
Gesù, Maria e Giuseppe
in voi contempliamo
lo splendore dell’amore vero,
a voi con fiducia ci rivolgiamo.
Santa Famiglia di Nazareth,
rendi anche le nostre famiglie
luoghi di comunione e cenacoli di preghiera,
autentiche scuole del Vangelo
e piccole Chiese domestiche.
Santa Famiglia di Nazareth,
mai più nelle famiglie si faccia esperienza
di violenza, chiusura e divisione:
chiunque è stato ferito o scandalizzato
conosca presto consolazione e guarigione.
Santa Famiglia di Nazareth,
il prossimo Sinodo dei Vescovi
possa ridestare in tutti la consapevolezza
del carattere sacro e inviolabile della famiglia,
la sua bellezza nel progetto di Dio.
Gesù, Maria e Giuseppe
ascoltate, esaudite la nostra supplica 
II -     Preghiera universale
Fratelli e sorelle,
Come famiglia dei figli di Dio e animati dalla fede eleviamo le nostre suppliche al Padre, affinché le nostre famiglie, sostenute dalla grazia di Cristo, diventino autentiche chiese domestiche dove si vive e si testimonia l’amore di Dio.

Preghiamo insieme e diciamo:
Signore, benedici e santifica le nostre famiglie

Per il Papa Francesco: il Signore che lo ha chiamato a presiedere nella carità la Chiesa, lo sostenga nel suo ministero a servizio dell’unità del Collegio episcopale e di tutto il Popolo di Dio, preghiamo:

Per i Padri Sinodali e gli altri partecipanti alla III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi: lo Spirito del Signore, illumini le loro menti, affinché la Chiesa possa rispondere alle sfide sulla famiglia nella fedeltà al progetto di Dio, preghiamo:

Per coloro che hanno la responsabilità nel governo delle Nazioni: lo Spirito Santo ispiri progetti che valorizzino la famiglia come cellula fondamentale della società secondo il progetto divino e sostengano le famiglie in situazioni difficili, preghiamo:

Per le famiglie cristiane: il Signore che ha posto nella comunione sponsale il sigillo della sua presenza, renda le nostre famiglie cenacoli di preghiera, intime comunità di vita e di amore a immagine della Santa Famiglia di Nazareth, preghiamo:

Per i coniugi in difficoltà: il Signore ricco di misericordia, li accompagni mediante l’azione materna della Chiesa con comprensione e pazienza nel loro cammino di perdono e di riconciliazione, preghiamo:

Per le famiglie che a causa del Vangelo devono lasciare le loro terre: il Signore che ha sperimentato con Maria e Giuseppe l’esilio in Egitto, li conforti con la sua grazia e apra per loro sentieri di carità fraterna e di umana solidarietà, preghiamo:

Per i nonni: il Signore che è stato accolto nel Tempio dai Santi vegliardi Simeone e Anna, li renda saggi collaboratori dei genitori nella trasmissione della fede e nell’educazione dei figli, preghiamo:

Per i bambini: il Signore della vita, che nel suo ministero li ha accolti facendoli modelli per entrare nel Regno dei cieli, susciti in tutti il rispetto per la vita nascente e ispiri progetti educativi conformi alla visione cristiana della vita, preghiamo:

Per i giovani: il Signore, che ha santificato le nozze di Cana, faccia loro riscoprire la bellezza del carattere sacro e inviolabile della famiglia nel disegno divino e sostenga il cammino dei fidanzati che si preparano al matrimonio, preghiamo:

O Dio, che non abbandoni l’opera delle tue mani, ascolta le nostre invocazioni:
manda lo Spirito del tuo Figlio a illuminare la Chiesa all’inizio del cammino sinodale, affinché contemplando lo splendore dell’amore vero che rifulge nella Sacra Famiglia di Nazareth, impari da essa la libertà e l’obbedienza per rispondere con audacia e misericordia alle sfide del mondo di oggi.

Per Cristo nostro Signore.

Parrocchia S. Maria Assunta – Genova Nervi

SCHEDA DI ISCRIZIONE ANNUALE
AI GRUPPI DI CATECHESI
2014/2015

N.B. i dati riportati servono ad uso interno della Parrocchia e saranno trattati ai sensi
della legge 675/96 sulla tutela dei dati personali
Dati del ragazzo/a:
Nome___________________________________________________________
Cognome_______________________________________________________
Luogo e data di nascita___________________________________________
Indirizzo ________________________________________________________
Telefono fisso ___________________________________________________
Battezzato nella Parrocchia_______________________________________
Il ______________________________________________________________
Fratelli/sorelle che frequentano il catechismo:
_______________________________________________________________
_______________________________________________________________
Dati dei genitori:
Padre _________________________________________________________
Madre _________________________________________________________
Cellulare padre ________________________________________________
Cellulare madre ______________________________________________
_E-mail di almeno uno dei genitori:
_______________________________________________________________
________________________________________________________________
Gruppo di catechismo (barrare la casella)
 1 anno /II elementare  2 anno/III elementare
 3 anno/IV elementare  4 anno/V elementare
 5 anno/I media  6 anno/II media
 Contributo annuale € 15,00 (€ 10,00 per i fratelli)

Per i ragazzi delle medie - Progetto INVASIONE DI CAMPO
 Iscrizione e assicurazione € 20,00
Data______________________ Firma genitore ________________________

* Da consegnare alle catechiste domenica 12 ottobre dopo la messa
delle ore 11.00

**I bambini del primo anno che non sono stati battezzati nella nostra
Parrocchia devono portare il certificato di Battesimo richiesto al
Parroco della chiesa dove è stato celebrato il sacramento.

mercoledì 24 settembre 2014

VISITA AI LUOGHI STORICI E TURISTICI DI TORINO

UNA GIORNATA RICCA DI EMOZIONI...

Pellegrinaggio a Torino.

Siamo stati accolti dal p. Paolo nella
sua Parrocchia a S. Maurizio Canavese
vicino all'areoporto di Torino.

Palazzo reale...grandioso.

In mezza giornata abbiamo potuto visitare 
i posti più belli di Torino con l'aiuto di 
una buona guida. Soddisfazione di imparare 
sempre da chi ne sa di più.









Una grande e bella piazza

Panoramica di una delle piazze 
più grandi di Europa....piazza 
dedicata a Vittorio.

Via Roma a Torino

Città antica e moderna.









Veri turisti

Passeggiare insieme...  visitando 
luoghi storici che hanno visto 
costruire l'unita' d'Italia.








Monumenti storici

Siamo in piazza san Carlo definita 
il grande salotto di Torino.








Piazza Castello reale

I luoghi che fanno grande Torino 
e la sua storia.


66 metri di altezza. Campanile della Parrocchia di 
San Maurizio Canavese.
Abbiamo vissuto insieme una bellissima giornata.

UNA GIORNATA RICCA DI EMOZIONI...

Pellegrinaggio a Torino.

Siamo stati accolti dal p. Paolo nella 
sua Parrocchia a S. Maurizio Canavese 
vicino all'aereoporto di Torino.

giovedì 18 settembre 2014

VITA DI OGNI GIORNO

Dal campanile di Nervi si vede come 
si svolge la vita della città.
Dall'alto si ha la sensazione che la 
vita sia più facile e che tutto si 
svolga senza fatica. 
Ma per ognuno ci sono impegni, 
orari, appuntamenti, corse per 
arrivare puntuali....
e' tutto scandito dal tempo e anche 
dal suono delle campane che 
aiutano ad organizzare 
la vita della gente.

Dai tetti in su...

Panoramica dal campanile dell'Assunta 
di Nervi. 
Sembra un paese disteso sulla collina. 
Mi son chiesto come aiutare 
la gente a guardare verso l'alto.
 
Sembra facile. 
Ma il cielo 
è troppo lontano, 
sopra le teste.

domenica 14 settembre 2014

REGOLE UTILI

BUONE USANZE CRISTIANE

Gli operai dell’ultima ora? 







                           
A Messa è meglio arrivare puntali. 
Questa è la norma, di buona educazione e di fede 
perché è bello non far aspettare il Signore.
Le persone che arrivano in ritardo a Messa, 
mi creano disagio.Ma, in missione, mi sono convertito, 
almeno un po’. E se fossero gli operai dell’ultima ora, 
coloro che il Signore ha chiamato a giornata 
quasi conclusa? Mi dicevo.
Oggi vedo in modo differente coloro che arrivano
 in ritardo: ci sono

Certo non nel modo migliore, ma ci sono. 
Non banchi o sedie vuote, ma il loro volto. 
Trafelato, qualche volta anche stralunato o annoiato (!) 
ma ci sono.Mi scopro qualche volta a scrutare la porta 
sperando che ancora qualcuno arrivi, che ancora 
qualcuno abbia accettato l’invito di Gesù.
E chissà che domenica prossima non arrivino puntuali, 
addirittura in anticipo perché hanno 
gustato la bellezza e la gioia di essere salvati insieme 
ad altri fratelli e sorelle!

ADDIO VACANZE

Gli ultimi tuffi
















Domani si torna a scuola. 
Ci si gode gli ultimi sgoccioli di vacanze. 
Un augurio per 
il nuovo 
anno scolastico.

sabato 6 settembre 2014

INCONTRO ANZIANI

Ufficio Diocesano della Terza Età


23° INCONTRO DIOCESANO DEGLI ANZIANI

AL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DELLA GUARDIA

GIOVEDì 18 SETTEMBRE 2014


Programma:

ore 10.00   Arrivo e Accoglienza

ore 10.15   Incontro di Preghiera

ore 11.00   Tempo libero per Confessioni e Visita al Santuario

ore 12.00   Pranzo

ore 15.45   S. Messa Concelebrata

INIZIATIVE IN DIOCESI

Caritas Diocesana_Acli Liguria_richiesta_collaborazione


Posta in arrivo
x

Guido Erba guidoerba@gmail.com

Allegati08:37 (9 ore fa)
francozengani
matrice_parrocchie_diocesi_genova_2.png

venerdì 5 settembre 2014

RIFLESSIONE DEL PAPA


Messa del Papa a Santa Marta 

Cosa lasciamo agli altri

Vivere per tutta la vita dentro la Chiesa, da peccatori ma non da traditori corrotti, con un atteggiamento di speranza che ci porta a lasciare un'eredità fatta non di ricchezza materiale ma di testimonianza di santità. 
Il vescovo di Roma ha centrato la sua riflessione sul mistero della morte, a partire dalla prima lettura - tratta dal primo libro dei Re (2, 1-4.10-12) - nella quale, ha detto, "abbiamo sentito il racconto della morte di Davide". E "ricordiamo l'inizio della sua vita, quando è stato scelto dal Signore, unto dal Signore". Era "un ragazzino"; poi "dopo alcuni anni incominciò a regnare", ma era sempre "un ragazzo, aveva ventidue o ventitré anni".
Tutta la vita di Davide è dunque "un percorso, un cammino al servizio del suo popolo". 
 Il racconto della morte di Davide ha suggerito al Pontefice tre riflessioni scaturite "dal cuore". Anzitutto ha rilevato che "Davide muore nel seno della Chiesa, nel seno del suo popolo. La sua morte non lo trova fuori del suo popolo" ma "dentro". E così vive "la sua appartenenza al popolo di Dio". Eppure Davide "aveva peccato: lui stesso si chiama peccatore". Però "mai se n'è andato al di fuori del popolo di Dio: peccatore sì, traditore no". Questa, ha detto il Papa, "è una grazia": la grazia di "rimanere fino alla fine nel popolo di Dio" e "di morire nel seno della Chiesa, proprio nel seno del popolo di Dio".Sottolineando questo aspetto, il Papa ha invitato "a chiedere la grazia di morire a casa: morire a casa, nella Chiesa". 
La Chiesa, ha precisato il Pontefice, è "madre e ci vuole anche così", magari pure "tante volte sporchi". Perché è lei che "ci pulisce: è madre, sa come farlo". Però sta "a noi chiedere questa grazia: morire a casa".
Il vescovo di Roma ha anche ricordato la testimonianza di santa Teresina di Gesù Bambino, la quale "diceva che, nei suoi ultimi tempi, nella sua anima c'era una lotta e quando lei pensava al futuro, a quello che l'aspettava dopo la morte, in cielo, sentiva come una voce che diceva: ma no, non essere sciocca, t'aspetta il buio, t'aspetta soltanto il buio del niente!". Quella, ha precisato il Papa, "era il demonio che non voleva che lei si affidasse a Dio".
Da qui l'importanza di "chiedere la grazia di morire in speranza e morire affidandosi a Dio". Ma l'"affidarsi a Dio - ha affermato il Pontefice - incomincia adesso, nelle piccole cose della vita e anche nei grandi problemi: affidarsi sempre al Signore.
Il terzo pensiero suggerito dal Papa è "il problema dell'eredità". In proposito "la Bibbia - ha precisato - non ci dice che quando morì Davide sono venuti tutti i nipoti, i pronipoti a chiedere l'eredità!". Ci sono spesso "tanti scandali sull'eredità, tanti scandali che dividono nelle famiglie". A questo proposito il Pontefice ha ricordato "un detto popolare" secondo cui "ogni uomo deve lasciare nella vita un figlio, deve piantare un albero e deve scrivere un libro: e questa è l'eredità migliore". Il Papa ha invitato ciascuno a chiedersi: "Che eredità lascio io a quelli che vengono dietro di me? Un'eredità di vita? Ho fatto tanto il bene che la gente mi vuole come padre o come madre?". Magari non "ho piantato un albero" o "scritto un libro", "ma ho dato vita, saggezza?". La vera "eredità è quella che Davide" rivela rivolgendosi in punto di morte a suo figlio Salomone con queste parole: "Tu sii forte e mostrati uomo. Osserva la legge del Signore, tuo Dio, procedendo nelle sue vie ed eseguendo le sue leggi".
 Così le parole di Davide aiutano a capire che la vera "eredità è la nostra testimonianza da cristiani lasciata agli altri". Ci sono infatti alcune persone che "lasciano una grande eredità: pensiamo ai santi che hanno vissuto il Vangelo con tanta forza" e proprio per questo "ci lasciano una strada di vita, un modo di vivere come eredità".